Data di pubblicazione 24 maggio, 2015

Whatsapp sarà integrato in Facebook. I primi passi

Era plausibile pensare che Facebook si muovesse sul fronte Whatsapp. Dopo l’acquisizione a suon di soldoni del sistema di messaggistica più famoso al Mondo, era naturale che il principale social network mondiale decidesse di iniziare una lenta ma inesorabile integrazione con Facebook.

Già gli utenti Android (beta tester si intende) possono utilizzare il pulsante di integrazione condividendo così le notizie lette sul social coi propri contatti di WhastApp. Un piccolo passo per l’umanità  ma un grande segnale per internet.

L’idea che tutti hanno avuto, diciamocelo chiaramente, al momento dell’acquisizione da parte di Mark Zuckerberg, è che si volesse in qualche modo portare Whatsapp nel mondo Messenger o viceversa; che insomma non ci dovesse essere più distinzione tra i due sistemi di messaggistica istantanea.

Figurarsi poi ipotizzare integrazioni via browser o direttamente sulle app facebook di tutti gli smartphone di quasi 2 miliardi di persone.

Certo è che siamo di fronte a una sostanziale modifica della maniera con cui l’utenza percepisce e ha percepito finora il sistema Whatsapp che aprirebbe di fatto alla condivisione delle informazioni (ma anche allo shopping online) e non solo al veloce sistema di messaggistica più economico e alternativo agli SMS o MMS dei gestori di rete che già  hanno dovuto far fronte con delle offerte all inclusive alla perdita di reddittività  dettata dall’utilizzo, a volte spropositato, dei messaggini dei cellulari (senza considerare che Whatsapp sta aprendo alla possibilità  di far effettuare chiamate vocali praticamente a costo zero).

La domanda che sorge è: chi ha scelto Whatsapp in origine, per la sua sostanziale snellezza, per il fatto cioè di essere chiamato a fare ciò per cui era stato pensato, ovverosia inviare messaggi a costi irrisori, e che rischia di trovarsi una versione Instant Messenger di Facebook, se non di più, come reagirebbe? Credete stia già  pensando o cercando alternative?

News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *