Data di pubblicazione 7 settembre, 2015

Come si crea un’infografica di impatto

Infografica: vi sarà capitato di incontrare immagini esplicative, piene di dati e disegni, su un determinato argomento? Ecco come crearla al meglio.

Anzitutto è bene dare risposta a una domanda: che cos’è un’infografica?

Vi sarà  capitato, navigando in rete, di imbattervi in qualche immagine ricca di informazioni che avesse come scopo quello di veicolare graficamente una determinato messaggio. Quella è una infografica.

Cioè letteralmente una informazione grafica che attraverso l’utilizzo contemporaneo di testo, disegni e fotografie intende dare un impatto grafico a una comunicazione, per farla recepire in maniera più diretta oltre che gradevole.

E’ evidente quindi come questo sia uno strumento importante per la propria immagine sul web, soprattutto se si intende vendere un prodotto o un servizio o, a maggior ragione, se i propri obiettivi siano strettamente accademici o educativi.

Ma come creare un’infografica ad effetto? Premetto che lo strumento di cui si parla deve essere usato a supporto della propra strategia comunicativa e non essere l’unico per quanto potenzialmente efficace e di facile distribuzione e che qui si cercherà  di di dare linee guida essenziali per la realizzazione di una infografica.

Passo 1: Che messaggio si intende veicolare attraverso l’infografica?
Un buon inizio è scrivere su carta il messaggio da comunicare, anche solo per punti, in maniera da avere chiara l’idea che si vuole diffondere; la raccolta dei dati a sostegno della comunicazione è un elemento importante.

E’ bene magari verificare più fonti dalle quali trarre i dati e utilizzare la fonte che appare più veritiera e affidabile; come per ogni buona statistiche è opportuno schematizzare il tutto in un foglio excel e creare una bozza grafica, anche a mano, o anche solo uno schizzo di quello che si vorrebbe vedere graficamente, a grandi linee, in maniera da avere un buon punto di partenza.

Che budget in termini di tempo e non solo di denaro, hai a disposizione? La raccolta dei dati oltre che la realizzazione vera e propria possono richiedere parecchio tempo.

Passo 2: Come gestisco le informazioni raccolte prima di passare alla realizzazione grafica?
Se non pensi di ottenere un buon risultato da solo, anche supportato dai giusti programmi grafici, ti consiglio sempre di affidarti a un esperto non solo di grafica ma, soprattutto, di comunicazione web.

Importante è, infatti, capire quale siano i tuoi obiettivi, a quale target di pubblico fai riferimento.  Se volessi vendere un prodotto o un servizio, sarebbe comunque sbagliato dare una comunicazione diretta del tipo “Vuoi compare un’auto? Rivolgiti a noi”…

L’infografica NON è un banner pubblicitario ma deve sempre avere uno scopo informativo o dare completezza a un messaggio che abbia una qualche utilità .Quindi stai bene attento a come gestisci la tua comunicazione.

Diversamente se i tuoi scopi sono accademici o educativi e ti rivolgi a un pubblico che richiede di essere “istruito”, questo problema, per la natura del messaggio che veicoli, non l’avrai di certo.

E’ inoltre importante sapere a chi ti rivolgi: se a un pubblico esperto del settore a cui ti rivolgi o novizio: la complessità  dell’infografica dipende anche da questo.

Al novizio dovrai dare un messaggio il più semplice possibile anche graficamente.

Ricordati sempre che si vive nell’era del mobile, per cui è preferibile una disposizione verticale dell’immagine finale perchè possa essere leggibile dagli smartphone, ad esempio.

Dai sempre una rilettura alla tua bozza o falla vedere a più amici così da trovarne errori o criticità .

Passo 3: Cosa devo considerare nel realizzare la grafica finale?
Oltre che avere colori gradevoli e che si adattino il più possibile al maggior numero di “veicoli comunicativi” attraverso i quali farai vedere la tua infografica (si pensi a facebook o instagram o pinterest, ad esempio) è fondamentale che il carattere scelto sia conforme al contenuto e nello stesso tempo che sia chiaro e leggibile:

  • se, ad esempio, il contenuto è tecnico e legato al web tendenzialmente si usa un carattere più o meno standard e senza fronzoli;
  • se si parla di come si fa un dolce si potrebbe usare un carattere più decorativo.

E’ importante, sempre, inserire il vostro logo e l’indirizzo internet del vostro sito web nella parte superiore e/o inferiore (dipende dalla lunghezza) della vostra infografica.

Se opportuno è bene utilizzare i dati a supporto per creare grafici (a torta, ad esempio).

Se il contenuto lo richiede si possono inserire anche fotografie. Sempre ammesso che non violiate alcun copyright.

Web Design

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *